mercoledì 31 luglio 2013

Staffette, tanti volontari in buona fede ma anche prestanome che coprono traffici

Articolo di Margherita D'Amico 
Fonte:  http://inchieste.repubblica.it

 

Nate per aiutare chi non poteva andare a prendere l'animale nella città dov'era si sono trasformate nell'alibi per spostare lungo la Penisola e all'estero decine e decine di cani e gatti. Spesso in condizioni terribili. Storie di sequestri e omessi controlli

 

 

ROMA - Si definiscono staffette quei trasporti di cani e gatti i cui adottanti, per una ragione o per l'altra, non vanno a ritirare l'animale nel luogo di partenza. Nate dall'iniziativa di gruppi di volontari intenzionati a garantire una sistemazione migliore ai randagi del Sud, sottraendoli alla violenza delle strade o a strutture spaventose, giustificano oggi la circolazione privata e incontrollata di un numero impressionante di animali. Ma dato che non sembra vero alle istituzioni - cui spetta il compito di verificare l'effettiva esistenza di un adottante - di scaricare quest'incombenza alla società civile, le movimentazioni hanno assunto sregolate proporzioni che preoccupano.
Sacrificando giorni festivi e investendo il proprio denaro, molti volontari appassionati accompagnano gli animali anche a distanza di centinaia di chilometri. Comunque in un regime di irregolarità: "In base alla circolare n.33 del ministro Garavaglia, integrativa e interpretativa della legge quadro nazionale 281/91 sul randagismo, le procedure prevedono che l'adottante si rechi presso la Asl di competenza", ricorda Maria Pagano, attivista di Una Ischia. "Il cane dev'essere munito di microchip e intestato subito alla persona che lo adotta. Tanti volontari invece si prestano a intestazioni provvisorie, invece di pretendere che le Asl attuino il proprio dovere attraverso debiti riscontri".


La strana storia di Remi vittima delle finte adozioni

Articolo di MARGHERITA D'AMICO
Fonte: http://inchieste.repubblica.it

La strana storia di Remi vittima delle finte adozioni


ROMA - "All'inizio dell'autunno 2012 con mia figlia vediamo un cagnolino tenuto alla catena corta in un androne, nel centro storico di Sassari. Ci avviciniamo e notiamo che è escoriato, piagato, costretto com'è su un angolo di cemento", racconta Maria Antonietta, "lo accarezziamo e lui risponde giocosamente, è molto affettuoso e si capisce che desidera attenzioni".  A quel punto le donne scorgono un uomo seduto sui gradini della chiesa accanto. "È suo?", gli chiedono. "È di mia figlia", risponde lui, "ma ora ha preso un gatto e non lo vuole più".
Viene fuori che la giovinetta in questione è minorenne, eppure il veterinario le ha intestato libretto e microchip. Dal portone esce una straniera in abiti succinti che suggerisce la presenza di un bordello, di cui forse l'uomo è il tenutario. Passando, per insofferenza assesta un calcio a Remi, così si chiama il cane. A maggior ragione le donne cercano di convincere il loro interlocutore a cedere l'animale, ma non c'è niente da fare. Così, rincasate, chiamano una guardia zoofila amica che promette di recarsi sul posto l'indomani. Remi però non c'è più.

Ecco come cani e gatti adottati all'estero sono vittime del traffico internazionale

Ecco come cani e gatti adottati all'estero sono vittime del traffico internazionale

Trasferiti da Sud a Nord e anche oltreconfine spesso si perdono le tracce degli animali. L'accusa: invece di essere affidati a delle famiglie finiscono nei giri dei combattimenti clandestini, usati nel traffico di droga e per la vivisezione. La polemica sulla mancanza dei controlli. La Lega nazionale per la difesa del cane si dichiara per la prima volta contraria alle adozioni all'estero e annuncia un nuovo regolamento interno anche per i trasferimenti in Italia

 

 In una folle giostra di scambi, trasferimenti di massa, furgoni, treni e persino aerei, accompagnati dalla distrazione delle istituzioni, i randagi italiani girano la Penisola o varcano le sue frontiere in cerca di un migliore altrove. Spesso, grazie all'opera di una straordinaria rete di volontari, trovano casa e affetto. Ma altrettanto di frequente bene e male si sovrappongono e confondono e gli animali, di cui si perde traccia, finiscono a lotte clandestine, vivisezione, bordelli in cui vengono abusati sessualmente (con tanto di video), macellazioni, commercio di pelli e pellicce, traffico di droga. Buone e pessime intenzioni sembrano mescolarsi in un rompicapo troppo faticoso per la giustizia, comodamente secondario per la politica. L'idea che il randagismo non sia debellato per avallare il business dei canili finanziati dallo Stato è rafforzata dall'impressione, sempre più insistente, che gli animali vengano riciclati per ulteriori commerci.

Sistema ramificato. Si tratterebbe di un vero sistema ramificato, forse non lontano da interessi malavitosi. Nulla di comprovato, solo una quantità di episodi e numeri impressionanti. Nessuno indaga a fondo, malgrado la pioggia di segnalazioni e le disperate denunce di volontari che in  tutta Italia vedono svuotare i canili verso illogiche destinazioni, siano esse in altre regioni che verso l'Europa settentrionale. Fa eccezione un processo a rischio prescrizione presso il Tribunale di Napoli, istruito grazie alla tenacia di un minuscolo gruppo animalista e a una pm capace di portare in giudizio il traffico dei randagi di Ischia, camuffato da affettuose adozioni in Germania. Si fanno intanto frequenti, su iniziativa di attivisti e guardie zoofile, i fermi di furgoni stracolmi di animali drogati, addormentati, ammucchiati in carichi diretti a Nord. Tant'è che la Lega nazionale per la difesa del cane si dichiara per la prima volta contraria alle adozioni all'estero e annuncia un nuovo regolamento interno riguardo i trasferimenti in Italia.

sabato 13 luglio 2013

AGGIORNAMENTO EMERGENZA CUCCIOLI A SALERNO




AGGIORNAMENTO 13 LUGLIO



CICCILLO e PAUL saranno dimessi dalla clinica nei prossimi giorni e troveranno sistemazione presso lo stallo che stiamo attrezzando in attesa di adozione. I lavori sono appena iniziati e c'è stata tanta fatica per bonificare il terreno. Grazie ai vostri aiuti siamo riusciti a pagare le spese veterinarie per i tre cuccioli, ad acquistare i paletti e una buona parte della rete che servirà per i recinti ... C'è tanto lavoro da fare e tante spese da sostenere per consentirci di andare incontro ad altre emergenze.  Aiutateci ad aiutarli.



AGGIORNAMENTO 10 LUGLIO





 


CICCILLO e PAUL sono in pensione veterinaria ad Agropoli per le cure da sabato scorso e ci rimarranno, se tutto va bene, fino a lunedì 15. MARLY è stato dimesso e se ne prende cura Loredana. Intanto stiamo attrezzando lo stallo che li ospiterà in attesa che arrivi una bella adozione. Le nostre spese non si fermano ...

 

AGGIORNAMENTO 5 LUGLIO
 


CICCILLO, PAUL e MARLY sono gli ultimi rimasti dei 9 cuccioli e non sappiamo se riusciremo a trovare in vita i due che ancora mancano all'appello.
 

Con questo video ricorderemo per sempre quelli che non ci sono più : https://www.facebook.com/photo.php?v=134369856769556&set=o.453803054716076&type=2&theater
 



Ciccillo, nelle foto, è stato ritrovato stasera e domani sarà visitato dal veterinario dopo un bagnetto perchè è invaso da pulci e zecche. Domani Paul andrà in degenza perchè ha bisogno di essere curato ancora con antibiotico alemeno  per 7 giorni.
SERVONO AIUTI ECONOMICI per pagare le spese veterinarie e la degenza nonchè per attrezzare lo stallo che dovrà ospitare i cuccioletti non appena sarà pronto. Chi vuole offrire un pò di manodopera è ben accolto! 



AGGIORNAMENTO 5 LUGLIO
 



RIEPILOGANDO : I piccoli Vanni e Mordicchia che erano ricoverati sono purtroppo volati sul ponte mentre sono rimasti sono PAUL e MARLY! Un cucciolo lo abbiamo trovato morto mentre altri tre non sono stati più visti davanti al cancello. Abbiamo sentito un cucciolo piangere dall'interno della struttura e per questo stamattina personalmente ho chiesto intervento di emergenza alla centrale operativa dei soccorsi. Il piccolo Paul nel pomeriggio andrà a degenza  presso un centro veterinario in modo che possa essere seguito con la terapia antibiotica, in fondo ha recuperato tantissimo e non ha più bisogno di terapia intensiva. Il piccolo Marly è presso in cura presso studio veterinario e non presenta al momento le problematiche degli altri fratelli. Non appena saranno vaccinati li porteremo con noi ma intanto speriamo che al più presto qualcuno voglia adottarli! Stiamo organizzando lo stallo per questi cuccioli e le vostre donazioni serviranno per aiutarci a pagare la pensione di Paul e le medicine ad entrambi i cuccioli. 
Grazie di cuore a tutti voi!
 
AGGIORNAMENTO 4 LUGLIO
 

Il piccolo Vanni è volato sul ponte ... ci dispiace tantissimo ....


AGGIORNAMENTO 3 LUGLIO
 


La piccola Mordicchia è volata sul ponte purtroppo e Vanni è in fin di vita .. è uno strazio! Sono ricoverati ancora Marly che è sotto flebo mentre Paul lentamente recupera. Contiamo ancora su di voi per sostenere le cure veterinarie dei cuccioli ...


ALTRO AGGIORNAMENTO 2 LUGLIO:
 


Abbiamo trovato stallo ma abbiamo ancora bisogno di voi per attrezzarlo con paletti, copertura e cucce. Contiamo ancora su di voi per sostenere le cure veterinarie dei cuccioli che sono 4 casi disperati.

 

PESSIMO AGGIORNAMENTO 2 LUGLIO: 
 


I due cuccioli che avevamo portato via e temporaneamente ospitati da una volontaria, STANNO MALE PER GASTROENTERITE DA STAMATTINA nonostante le cure veterinarie di 4 giorni fa. Oggi pomeriggio saranno ricoverati .... è un infernooooo!!!!!
Neanche oggi possiamo recuperare gli altri 4 cuccioli che sono rimasti alla ex Vitologatti perchè se li mettiamo insieme a quelli malati è il compimento della catastrofe che è appena iniziata nonostante le cure e tutto il resto ....Ovviamente oltre noi nessuno si muove!
Grazie di cuore!




martedì 2 luglio 2013

QUESTI CUCCIOLI HANNO BISOGNO DI NOI




VIDEO CUCCIOLI : https://www.facebook.com/photo.php?v=134369856769556&set=o.453803054716076&type=2&theater



Aggiornamento 29 e 30 giugno ore 22.00:








Il cucciolo che abbiamo chiamato Paul, qui sopra nelle foto, è stato ricoverato con urgenza in clinica e le sue condizioni non sono buone, sospetta gastroenterite o avvelenamento da esche.






Sono peggiorate le condizioni del piccoletto, Vanni, qui sopra nelle foto, da tre giorni in degenza presso una veterinaria.








Questi due cuccioli che avevano trovato uno stallo seppur momentaneo, siamo state costrette a spostarli da quel posto e cerchiamo urgentemente altro stallo che possa accoglierli tutti, ne dobbiamo prendere gli altri 4! Aiutateci perchè queste anime hanno bisogno di tutto!!!

Aggiornamento 27 giugno ore 20.00 :
ABBIAMO TROVATO STALLO E ABBIAMO PORTATO VIA 2 CUCCIOLI, domani torneremo a prendere gli altri se si faranno trovare dal momento che si nascondono bene tra sterpaglie, canneti e arbusti!

Servono aiuti con crocchette e medicinali.
Nello specifico :
IVOMEC fiale
ROCEFIN fiale
BENTELAN fiale
ADVOCADE fialette
CLOREXYDERM disinfettante
croccantini piccoli e medi

Appello 26 giugno :
AACLI - "CERCHIAMO STALLO PER PORTARLI VIA, VETERINARI DISPOSTI A CURARLI NONCHE' AIUTI DI CIBO E MEDICINALI "

Questi sono i cuccioli sono affetti da rogna rossa e vivono presso la ex sede della Vitologatti, ormai ridotta a luogo di dimora di topi, serpenti, zecche, pulci e rifiuti! Queste piccole anime sono nate dalle femmine adulte, probabilmente 3 e non hanno suscitato interesse a tutti quelli che telefonicamente sono stati pregati da noi di intervenire nella giornata di ieri e precedentemente anche dalle persone che abitano nelle vicinanze.

In quel posto è la terza cucciolata che nasce, 2 sono stati trovati morti investiti (perchè hanno possibilità di uscire) mentre altri 3 li hanno portati via alcuni ragazzi di buon cuore per curarli! Ne sono rimasti 7 e si nascondono tra la vegetazione e i rottami all'interno di un cancello chiuso! Siamo riusciti a portargli da mangiare e a prelvare il più piccolo che abbiamo affidato alle cure veterinarie. La situazione è gravissima perchè bisogna curarli. Aiutateci! Noi vogliamo aiutarli ma se non ci date una mano non possiamo riuscirci!

Cerchiamo veterinari disponibili a curare i cuccioli! Accettiamo donazioni di croccantini, siringhe, garze sterili e guanti monouso insieme ai medicinali come IVOMEC fiale, ROCEFIN fiale, BENTELAN fiale, ADVOCADE fialette, CLOREXYDERM disinfettante, pillole per sverminazione cuccioli di circa 3 mesi e antiparassitari.
Saranno pubblicate le donazioni ricevute e le spese effettuate. Grazie di cuore a tutti!

Per info contattate la nostra associazione AACLI  inviando mai a infoaacli@gmail.com

Grazie.