lunedì 23 marzo 2015

BALOO - Cuore di cane tradito



BALOO era un piccolo batuffoletto tutto nero quando fu adottato da una coppia molto giovane desiderosa di avere un cane da amare e convinta che sarebbe stato un amore per la vita.
Invece le cose non sono andate così.

Nel momento in cui decisero di trasferirsi  a seguito dell’imminente arrivo di un bambino, Baloo era diventato un impegno troppo grande da gestire. Ricordo il giorno in cui vennero a chiedermi di prendere Baloo, lei si dichiarava legatissima a questo cane che aveva già 8 mesi, lui aveva gli occhi lucidi mentre mi diceva che lo lasciava a malincuore, che sarebbe venuto a trovarlo ogni sabato, che a casa era diventato ingestibile e inavvicinabile, geloso e minaccioso nei confronti di  chiunque entrasse in casa.

Insomma, Baloo da cucciolo coccolone e affettuoso si era  trasformato improvvisamente  in un cane,  a loro dire, aggressivo  senza alcuna speranza di recupero. Rimasi perplessa ma era ovvio che in quel momento c’era da pensare al cane e non alle loro motivazioni che mi apparvero come tante scusanti per non dire apertamente  “non lo vogliamo tenere più”.  

Dopo alcuni giorni il cane arrivò presso la nostra associazione, tenuto al guinzaglio dal suo padrone  che con l’altra mano reggeva una busta contenente il suo corredino composto da pochi oggetti come la sua copertina preferita, il suo giocattolo e le sue crocchette. Non furono gli occhi di Baloo a lasciarmi una freccia nel cuore ma la vista di quella copertina celeste che adagiai nella sua nuova cuccia insieme al suo giocattolo. Lui guardava  me poi la copertina come per dirmi “come mai ha cambiato posto? La mia casa non è qui…” . Con i suoi occhi continuava a guardare me e la copertina senza prendere il giocattolo perché non c’era più quell’uomo che giocava con lui, era andato via e Baloo  lo aveva seguito con lo sguardo senza abbaiare, senza muovere un muscolo. Soltanto quando il cancello si chiuse alle spalle del suo padrone, Baloo mi guardò incredulo e con una tristezza indescrivibile  come per chiedermi  “ma è andato via davvero? Perché non sono andato con lui? “ Tante volte lo aveva visto andar via e poi ritornare, ma stavolta c’era quella copertina che non stava più al suo posto e Baloo aveva capito il perché quando  si accucciò a terra senza mangiare.  


Avendolo descritto come cane aggressivo e minaccioso, il giorno dopo entrai con cautela nel suo box mentre lui  indietreggiava abbaiando contro di me ripetutamente mentre girava su se stesso. Mi avvicinai porgendogli una scatoletta di cibo e Baloo non esitò  a venirmi incontro con la sua coda festosa. Dopo la scatoletta e due biscottini Baloo confermò  che ormai eravamo amici con una piccola leccatina sulla mia mano. Il primo passo era andato bene.

Fuori dal box incontrò il giorno dopo gli altri cani e non dimostrò per nulla di essere aggressivo e minaccioso, neppure con le volontarie che conobbe nei giorni seguenti.

Da quel giorno Baloo  rimase libero insieme agli altri con la possibilità di andare a dormire al riparo nel box. Kevin divenne subito il suo primo e fedele amico e Baloo ricambiò l'amicizia offrendosi come sua guardia del corpo nel momento in cui si rese conto che era facilmente attaccabile dagli altri poichè timido, remissivo e indifeso.

Su quella sua copertina celeste non è andato mai a dormire, è rimasta intatta in quella cuccia come qualcosa da dimenticare in fretta.

Il suo posto preferito è diventato  il divano sistemato accanto ai box dove rimane per ore sdraiato a fissare gli alberi e l’erba.  Di tanto in tanto si ferma a guardare il cancello e quando arriva qualcuno a trovarci lui corre insieme agli altri a dare il benvenuto.  

 Baloo dal primo momento non ha aspettato  più il suo padrone né ha creduto alla promessa che sarebbe venuto a trovarlo per portargli i biscottini e altri giochini. Baloo ha capito subito che sarebbe stato un addio e ha preferito  dimenticarlo insieme alla copertina lasciata abbandonata nel box.  

Sono trascorsi molti mesi da quel giorno e Baloo è sempre felice quando trascorre alcune ore della giornata con me e con le persone che gli vogliono bene.  Gioca con gli altri cani, litiga per un rametto o per un lembo di coperta  come fanno i bimbi che non vogliono cedere il giocattolo preferito, ma per il resto è  desideroso di dare e ricevere amore.  

Leggo una grande tristezza nei suoi occhi quando rimane con gli altri a guardarmi andar via.

Hanno tutti lo stesso sguardo  ed io la stessa speranza di sempre … che ci sia una casa per tutti prima o poi. 




(nelle ultime foto Baloo con la nostra volontaria Angelica ) 





Nessun commento:

Posta un commento