mercoledì 10 febbraio 2016

Perchè il cane scava nella cuccia o sul tappeto?



Quasi tutti i cani lo fanno. Lo avrete visto di certo: il vostro amico a quattro zampe inizia a raspare la sua cuccia, il divano o un tappeto. A volte lo fa con insistenza e con grande impegno. Il motivo, spiegano gli etologi, è legato ai suoi antenati. I lupi.

Sì, ma i lupi non hanno cuscinoni imbottiti o cuccette morbide. E quindi si scavano con le zampe la tana. Non solo. Se la aggiustano anche in modo da poterci stare più comodi possibile.

La stessa cosa fa il cane grattando e scavando il posto dove ha scelto di schiacciare un pisolino. In pratica, è un po’ la stessa cosa che facciamo noi  con il guanciale prima di coricarci.
Attenzione, però: i cani che grattano e raspano per mettersi comodi, lo fanno solitamente con continuità.

Se un cane non l’avesse mai fatto in vita sua, e cominciasse di colpo a manifestare questo comportamento, potrebbe significare che non sta bene (grattare la cuccia è uno dei primi sintomi della dilatazione-torsione di stomaco: ma non fissatevi però. Da solo non significa nulla, devono esserci in concomitanza altri sintomi preoccupanti).

E’ abbastanza facile, comunque, distinguere tra una manifestazione di malessere e un semplice prepararsi la tana, perché tutto l’atteggiamento del cane è molto diverso.

Se si tratta di una femmina non sterilizzata che comincia improvvisamente a grattare la cuccia senza averlo mai fatto prima, chiedetevi se non abbia avuto qualche imprevisto incontro galante all’ultimo calore, perché questo è uno dei primi segnali di gravidanza in atto. Se invece siete sicurissimi che non possa essere incinta, potrebbe anche trattarsi di una gravidanza isterica.

Fonte: http://www.ilmessaggero.it  


lunedì 8 febbraio 2016

Le palle di pelo: come evitarle o ridurle

Palle di pelo


I gatti, che sono animali molto puliti, passano parte del loro tempo a leccarsi e, soprattutto, nel periodo della muta, ingeriscono una grossa quantità di pelo. Solitamente i peli ingeriti passano attraverso l’intestino senza alcun problema, ma alcune volte capita che si raggruppino in vere e proprie palle di pelo (tricobezoari).

La maggior parte delle volte il gatto dopo alcuni colpi di tosse le espelle, ma se così non fosse potrebbero provocare occlusioni anche gravi. L’unico modo che abbiamo per cercare di evitare questi inconvenienti è quello di spazzolarlo regolarmente tutti i giorni e, se possibile, al termine della spazzolata, passargli uno straccio leggermente bagnato in modo da togliere residui di pelo.

Altra cosa che si può fare è quella di dargli, ogni due settimane, un prodotto apposito, che si vende in un tubetto. Si tratta di una pasta morbida che, messa sul nostro dito, verrà leccata dal nostro amico senza problemi, dato che ha anche un sapore gradevole.

Fonte : http://gattissimi.com